Mihajlovic: “Siamo a riusciti a prendere gol senza subire tiri in porta”

Queste le parole con cui Sinisa Mihajlovic ha commentato il pareggio per 1-1 contro il Torino:

“Devo dire che abbiamo fatto un altro record, subire gol senza tiri subiti, ci è riuscito pure questo. Non abbiamo rischiato nulla, peccato perché meritavamo di più. Forse con qualche cambio in più li avremmo messi più in difficoltà ma non ne avevamo, peccato ma dall’altra parte sono contento per il Toro che non ha perso e muove la classifica, sono un cuore Toro e sono contento per il presidente, i tifosi, per Giampaolo che è un amico e un grande allenatore. Sono convinto che ne usciranno. Da Costa? Bisogna continuare a dargli fiducia, può succedere di sbagliare, sono gol che ogni tanto si prendono, poteva buttarla fuori come dentro. E’ una cosa che può succedere. I ragazzi non hanno mollato mai, abbiamo creato diverse occasioni, abbiamo pareggiato e avuto occasioni per vincere. Va bene così, sono contento per la prestazione e per il Torino che non ha perso. Vignato? Non mi piace parlare dei singoli, ma ha fatto una buona gara. Anche Palacio che ha trentotto anni e fa gli scatti al novantesimo è da ammirare. Con il suo esempio e i suoi principi morali, perché questa squadra ha mostrato di averne di altissimi anche con la mia malattia, si fa bene. Il nostro compito è portare i ragazzi sulla strada giusta e ci siamo riusciti anche grazie a loro. Il rigorista dopo Barrow? Vediamo chi gioca, sarà o Vignato o Svanberg. Se non giocano chiediamo all’arbitro di non darci rigori nel pre partita. Io ho sbagliato più rigori che punizioni in carriera, non sono adatto. Barrow? Gli manca di essere più decisivo, che si prenda più responsabilità e che prenda più rischi. Oggi si è comportato bene, ha avuto l’atteggiamento perfetto ma da lui mi aspetto che mi vinca la partita. Mi aspetto sempre di più perché è nelle sue corde. Abbiamo dieci giocatori fuori. Non sarebbe facile nemmeno per una squadra più allestita della nostra. Oggi con qualche cambio offensivo in più avremmo potuto anche vincerla. In panchina c’erano 7 ragazzi della Primavera. Da gennaio recupereremo tutti e sarà più facile gestire queste partite. Palacio? Ha 39 anni e alla terza partita in una settimana al ’44 ha fatto uno scatto di 30 metri. È da ammirare. Mercato? Vediamo. Pensiamo a mercoledì contro l’Atalanta in casa e a cercare di vincere. Poi ci sarà tutto il tempo per programmare le cose per gennaio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.