Mihajlovic: “Pesavo solo 72 chili, ero un morto che cammina. Ma avevo promesso…”

Ai microfoni della Gazzetta dello Sport, Sinisa Mihajlovic ha parlato così della sua battaglia contro la leucemia: “C’è il sole, si vede la luce. Nel calcio puoi avere tanti amici e quando va male non ne hai più, ti ritrovi solo nel buio. Così capisci ancora di più quanto sia importante la famiglia. Arianna è la sola persona che conosco che abbia, se si può dire, più palle di me. Avevo promesso ai miei giocatori di andare a Verona, pesavo solo 72 chili, ero un morto che cammina, ma era una promessa. Non tutti possono affrontare il male nello stesso modo, ma l’importante è non tirarsi indietro e non perdere la voglia di vivere”.

2 commenti

  1. Mister sei un grande guerriero io sono stata sempre fiduciosa,vedrai presto tornerai meglio di prima,auguri a tutti voi siete una splendida famiglia❤???

  2. Sei un esempio di puro coraggio,esempio x tutti,ce l’hai già fatta.?❤

Rispondi a bruno Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.