Sabatini: “Proprietà straniere poco coinvolte, ma Saputo è un’eccezione”

Ai microfoni di Tmw, il ds del Bologna Walter Sabatini ha analizzato la questione delle proprietà straniere in Italia, soffermandosi anche su Joey Saputo:

“La proprietà italiana nella maggior parte dei casi vive nel tessuto sociale e si sente più coinvolta. Anche per una questione di lontananza, una proprietà straniera accusa di meno le situazioni negative: quando sei a tanti chilometri di distanza una sconfitta la metabolizzi in modo diverso. Ovviamente c’è meno passione. Non da parte di Saputo, il mio ultimo presidente che è un uomo profondamente legato all’Italia: suo padre è nato a Montelepre ed è orgoglioso della sua estrazione, della sua nascita in Sicilia. Non so come abbia fatto a conservare la sua umanità con quella ricchezza smodata, hanno fondato un impero in Canada: sono persone molto attente alle cose del Bologna e anche del Montreal. C’è un progetto che prevede, attraverso il mio lavoro, di creare un network internazionale che riguardi Bologna, Montreal e altre squadre che poi andremo ad acquisire per cercare collaborazioni che portino calciatori o soldi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.